Gli interventi

Città portuali: organizzarsi per il lavoro

La problematica del lavoro è giudicata ovunque prioritaria in Europa e nel mondo. Ogni città, ogni territorio elabora strategie con l’obiettivo d’aumentare l’occupazione. I guadagni di produttività dei porti e la concorrenza industriale internazionale hanno in parte provocato una diminuzione dei posti di lavoro nei settori tradizionalmente legati, direttamente o indirettamente, alle funzioni portuali. Di conseguenza, quali nuove attività e nuove idee per creare lavoro possono essere imaginate nelle città e regioni portuali per dinamizzare la loro economia? Sarà possibile, trarre profitto del rinnovo delle funzioni e della diversificazione dei lavori operati oggi nei porti per favorire questi cambiamenti tanto economici quanto sociali?

Enrico Musso, Former Senator of the Italian Republic, Professor of Economy, University of Genoa, Vice-Presidente dell’Istituto Internazionale delle Comunicazioni, Director of the “International Journal of Transport Economics”

Tavola rotonda 1: La città portuale si apre all’industria turistica: per quale valore aggiunto?

Questa prima tavola rotonda farà intervenire degli amministratori portuali e dei professionisti del turismo che presenteranno le strategie di un’economia turistica basata sulla valorizzazione degli spazi città porto e dell’attività portuale:

Il cluster nautico di Barcellona, creatore di posti di lavoro e di ricchezza (Spagna)

Antoni Vives, Tercer Teniente de Alcalde, Ayutamiento de Barcelona, España

Porti di Roma (Italia): la crociera, un’attività economica a pieno titolo

Lelio Matteuzzi, Dirigente Ufficio del Lavoro Portuale, Porti di Roma del Lazio, Civitavecchia, Italia

L’impatto del turismo portuale sull’economia locale ad Amburgo (Germania)

Marina Christensen, Project Manager Marketing and Cruise Activity, Hamburg Tourismus GmbH, Germany

Tavola rotonda 2: Porto di Genova, la pianificazione, l’evoluzione economica e le perspettive di sviluppo

Ligne blanche
Presentazione del Piano Regolatore del Porto

Marco Sanguineri, Direttore della pianificazione, Autorità portuale di Genova, Italia

E-port, el grande progetto del porto intelligente e sostenibile di Genova

Luciano Boselli, Responsabile del progetto e-Port, Autorità portuale di Genova, Italia

Il Porto di Genova: assetto ed evoluzione dell’interfaccia marittima del Nord Ovest.

Enrico Beretta, Banca d’Italia

Operare e investire in un porto e un paese: il punto di vista dei Terminal Operator

Marco Conforti, President of Assiterminal, Genoa, and Board Member of FEPORT

Del sistema portuale comunitario alle reti logistiche integrate

Alessandro Pitto, Vice Presidente Spediporto, Associazione Spedizionieri Corrieri e Trasportatori di Genova, Italia

Tavola rotonda 3: La città portuale fa la sua rivoluzione industriale: opportunità di lavoro?

Questa tavola rotonda darà la parola a tre attori internazionali dello sviluppo industriale delle città portuali. Presenteranno le loro esperienze ed iniziative:

Strasburgo: l’ecologia industriale un vantaggio strategico per la Comunità Città Porto

Aurore Mourette, Direction du développement, Chef de projet développement durable, Port Autonome de Strasbourg, France

L’emergenza della bioeconomia nei principali porti fiamminghi

Toon Colpaert, Regional Port Commissioner, Flemish Government Administration, Brussels Area, Belgium

Un nuovo approccio per lo sviluppo economico e sociale del settore di Stadshaven a Rotterdam

Arènso Bakker, Managing Partner, STIG BV, Den Haag, The Netherlands

Tavola rotonda 4: la città portuale hub logistico: quali competenze per il futuro?

La logistica e l’intermodalità saranno al centro di questa quarta tavola rotonda. Tre esperti ed amministratori di progetti commenteranno attraverso le loro esperienze le evoluzioni di un settore logistico sempre più importante per la competitività economica delle città portuali:

Trilogiport, un attrezzo al servizio della competitività del porto di Liegi (Belgio)

Emile Louis Bertrand, Directeur Général, Port Autonome de Liège, Belgique

Montreal, nel cuore delle catene logistiche mondiali

Sylvie Vachon, Présidente Directrice Générale, Administration Portuaire de Montréal, et Marc Blanchet, Directeur Adjoint en charge du Développement, Ville de Montréal, Québec, Canada

La Spezia (Italia): la funzione logistica, vantaggio dello sviluppo portuale

Federica Montaresi, Head of Studies and Special Projects Unit, Autorità Portuale della Spezia, Italia

Tavola rotonda 5: la città portuale mette a fattor comune il proprio “know-how”: quali ripercussioni territoriali?

I tre partecipanti di quest’ultima tavola rotonda si interesseranno all’ecosistema economico complesso delle città portuale. Sempre più spesso gli attori privati e pubblici si uniscono per mettere in comune le loro competenze e sviluppare strategie di sviluppo coerenti ed efficaci:

Esbjerg, la metropoli danese dell’energia

Uffe Lundgaard, Business Consultant, Esbjerg Business Development Centre, Denmark

Il porto nel suo territorio: l’impatto del porto di Livorno sull’economia locale

Francesco Ghio, Promotion, Public Relations and Research-Area Manager, Port of Leghorn, Italy

ChemMed Tarragona, 1o cluster chimico del Mediterraneo

Francesc Sánchez Sánchez, Director, Autoridad Portuaria de Tarragona, España